Qual’è l’intervallo del pH del liquido seminale umano?

Il pH è una scala di misura dell’acidità o della basicità di una sostanza che va da 0 a 14. Il pH dell’acqua distillata, considerato “neutro”, è 7, mentre sostanze con un pH inferiore sono acide e con un pH superiore sono basiche.

Per quanto riguarda lo sperma umano, WebMD riferisce che valori nella norma oscillano tra il 7.1 e l’8.01, rientrando così in una scala più ampia rispetto a quella stabilita dall’OMS (7.2 – 7.8)2.

[/dt_quote]

Un pH al di fuori di tale intervallo può essere dannoso per lo sperma3, in quanto un’eccessiva acidità o basicità dell’ambiente penalizza la capacità degli spermatozoi di muoversi e fecondare l’ovulo.

  • Un pH al di sotto di 7.2, quindi acido, indica che una o entrambe le vescicole seminali sono ostruite.
  • Un pH superiore a 8, quindi basico, potrebbe indicare che c’è un’infezione in atto nell’organismo.
FOR HUMAN SPERM, WEBMD LISTS A SLIGHTLY WIDER NORMAL PH RANGE OF 7.1-8.0 THAN THE NORMAL WHO CRITERIA OF 7.2-7.8

Le ricerche suggeriscono che l’intervallo nella norma identificato dall’OMS sia troppo basso

Uno studio del 1993 prese in considerazione il pH dei campioni seminali di 207 soggetti che si sottoponevano ad esami per la fertilità. Il pH venne misurato a 30 e 60 minuti dall’eiaculazione sia con l’indicatore di pH di carta che con il pH-metro. A prescindere del metodo usato e dell’intervallo di tempo trascorso dall’eiaculazione, i valori medi di pH si attestarono regolarmente al di sopra di 8.0. Poiché l’analisi del seme, che include il livello di pH, costituisce parte della valutazione clinica sulla fertilità maschile, tali scoperte suggeriscono che sia necessario rivedere i valori considerati “nella norma”4.

Come aumentare la fertilità maschile

Sono molti i fattori che possono favorire la fertilità maschile, tra questi, assumere uno stile di vita sano che elimini i cibi da fastfood, la nicotina e l’alcol, riduca lo stress e includa l’attività fisica e un sonno riposante.

Inoltre, gli studi scientifici dimostrano che i seguenti integratori alimentari possono aumentare la conta spermatica:

  • Gli aminoacidi arginina e carnitina
  • Gli antiossidanti glutatione e il coenzima Q10
  • I metalli in tracce come lo zinco e il selenio
  • Le vitamine A, B9 (acido folico), C, D ed E
  • L’estratto di corteccia di pino (picnogenolo)

Si tratta di aminoacidi, vitamine, e oligoelementi che si trovano naturalmente nell’organismo, quindi non presentano effetti collaterali. Anzi, aumentare la disponibilità di tali micronutrienti comporta benefici significativi per la salute come la stabilizzazione del sistema immunitario, effetti positivi sulla circolazione cardiovascolare e sulla salute di cute e capelli.

Per questo, non esistono motivazioni mediche contro una dieta ricca di micronutrienti protratta per 6 o 12 mesi.

Gli integratori combinati riuniscono molti nutrienti in una sola pillola capace di migliorare la fertilità maschile.

Qui potete trovare un confronto tra diversi prodotti.

Bibliografia

  1. “Essig, Maria G.; Scritto da Susan Van Houten e Tracy Landauer, Rivisto da Martin Gabica and Avery L. Seifert (2007-02-20). “Semen Analysis”. Healthwise. WebMD. Consultato il 05-08-2007.”
  2. “Understanding Semen Analysis”. Stonybrook, State University of New York. 1999. Retrieved 2007-08-05″
  3. “Understanding Semen Analysis”. Stonybrook, State University of New York. 1999. Consultato il 05-08-2007″
  4. “http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9675619”
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

E' possibile utilizzare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

cancella il moduloInvio