La motilità spermatica (movimento)

La motilità spermatica è la la capacità dello sperma di muoversi correttamente nel sistema riproduttivo femminile (nella fecondazione naturale o artificiale) o nell’acqua (nella fecondazione esterna, come quella in vitro) per raggiungere l’ovulo.

La motilità spermatica può essere intesa come la qualità del seme, dato che costituisce un fattore importante per la riuscita del concepimento. Infatti gli spermatozoi che non si muovono adeguatamente non saranno in grado di raggiungere l’ovulo e fecondarlo.


Secondo le Linee Guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità, un uomo è fertile se presenta una motilità progressiva minima, cioè di grado a+b, del 32%, pari a 4,8 milioni/ml (15 milioni / ml x 32%). La vitalità deve riguardare almeno il 60% degli spermatozoi1.

Esempi

  • Un uomo può presentare un numero di cellule spermatiche ampiamente al di sopra del parametro minimo dell’OMS di 15 milioni (ad esempio 50 milioni), ma se solo poche si muovono (ad esempio solo il 5%), la qualità dello sperma può comunque essere compromessa (in totale, meno di 5 milioni di spermatozoi mobili per millilitro) dato che gli spermatozoi con motilità progressiva sarebbero, nel nostro esempio, solo 2,5 milioni per millilitro.
  • Tuttavia, se la conta spermatica è molto alta (ad esempio 100 milioni per millilitro) una motilità scarsa (diciamo del 5%) potrebbe non essere preoccupante perché gli spermatozoi con motilità progressiva sarebbero in totale 5 milioni/ml.
  • Specularmente, una conta spermatica molto al di sotto del limite minimo di 15 milioni per millilitro (ad esempio 10 milioni) può comunque presentare una buona qualità nel caso in cui la motilità sia superiore al 50%, con un minimo di 5 milioni di spermatozoi con una buona capacità di movimento.

Classificazione della motilità spermatica

  1. Grado a, Motilità IV o Moto Rettilineo: Gli spermatozoi presentano una motilità progressiva, sono più resistenti e nuotano velocemente in linea retta.
  2. Grado b, Motilità III o Moto irregolare (motilità non lineare): Gli spermatozoi si muovono anche in avanti, ma tendono ad assumere un moto curvilineo o a zig-zag.
  3. Grado c, Motilità II o Vibrazione: Gli spermatozoi presentano una motilità non progressiva, in quanto muovono la coda ma non procedono in avanti.
  4. Grado d, Motilità I o Immobilità: Gli spermatozoi non si muovono affatto.

La scarsa motilità spermatica

Il termine medico corretto per la ridotta motilità spermatica è astenozoospermia (o astenospermia). L’astenozoospermia completa, cioè quando il 100% degli spermatozoi in una eiaculazione sono immobili, si verifica con la frequenza di 1 su 5000, o nello 0,002% dei casi2. L’astenozoospermia completa può essere causata da disturbi metabolici, come l’incapacità di metabolizzare dei nutrienti essenziali per la motilità spermatica, o dovuta alla struttura del flagellum degli spermatozoi (la coda) o alla necrozoospermia (assenza di spermatozoi vivi).

L’astenospermia causa una riduzione della qualità generale dello sperma ed è quindi un fattore primario della scarsa fertilità o dell’infertilità maschile. In questi casi, le possibilità di raggiungere una gravidanza aumentano se si effettua l’iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo2.

Aumentare la motilità degli spermatozoi in modo naturale

Per migliorare la motilità dello sperma esistono innumerevoli suggerimenti, tra questi assumere uno stile di vita sano che elimini i cibi da fastfood, la nicotina e l’alcol, riduca lo stress e includa l’attività fisica e un sonno riposante.

Inoltre, gli studi scientifici dimostrano che i seguenti integratori alimentari possono migliorare la motilità:

  • 2 g/giorno di L-carnitina + vitamina E per otto mesi aumentano la motilità spermatica del 59%4
  • 3 g/giorno di L-carnitina per tre mesi aumentano la motilità spermatica del 40%5
  • 2000 mg/giorno di vitamina C per due mesi aumentano la motilità spermatica del 39%6
  • 4 mg/giorno di licopene per tre mesi aumentano la motilità spermatica del 25%7
  • 200 mg di selenio + 400 IU di vitamina per 14 settimane aumentano la motilità, la morfologia o entrambe nel 53% dei casi8
  • La vitamina D (gli uomini che presentano bassi livelli di vitamina D soffrono di scarsa motilità spermatica9)

Come aumentare la fertilità maschile in modo naturale

Il processo di generazione dello sperma è particolarmente sensibile a fattori esterni, tra i quali eventi traumatici (calore, forza fisica), energia e sostanze nutritive per lo sviluppo delle cellule e stress ossidativo.

Sono molti i fattori che possono favorire la fertilità maschile, tra questi, assumere uno stile di vita sano che elimini i cibi da fastfood, la nicotina e l’alcol, riduca lo stress e includa l’attività fisica e un sonno riposante.

Inoltre, gli studi scientifici dimostrano che i seguenti integratori alimentari possono aumentare la conta spermatica:

  • Gli aminoacidi arginina e carnitina
  • Gli antiossidanti glutatione e il coenzima Q10
  • I metalli in tracce come lo zinco e il selenio
  • Le vitamine A, B9 (acido folico), C, D ed E
  • L’estratto di corteccia di pino (picnogenolo)

Si tratta di aminoacidi, vitamine, e oligoelementi che si trovano naturalmente nell’organismo, quindi non presentano effetti collaterali. Anzi, aumentare la disponibilità di tali micronutrienti comporta benefici significativi per la salute come la stabilizzazione del sistema immunitario, effetti positivi sulla circolazione cardiovascolare e sulla salute di cute e capelli.

Per questo, non esistono motivazioni mediche contro una dieta ricca di micronutrienti focalizzata all’aumento della fertilità protratta per almeno 6 mesi e possibilmente fino a una conclusione positiva del concepimento.

Gli integratori combinati riuniscono molti nutrienti in una sola pillola capace di migliorare la fertilità maschile.

Qui potete trovare un confronto tra diversi prodotti.

Altri nutrienti per aumentare la motilità spermatica

Bibliografia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

E' possibile utilizzare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

cancella il moduloInvio